Seguici:

Via Bruder Willram 1

MUSEO CIVICO

Inaugurato nel 1995 in un cortile interno accanto alla chiesa dello Spirito Santo, il pianterreno è costituito da quelle che furono fino alla metà dell‘800 le rimesse e le stalle del servizio postale. Gestito dall’Associazione Pro Museo di Brunico, ospita parte del patrimonio del precedente museo e propone nel corso dell’anno diverse mostre, per lo più d’arte moderna e contemporanea.

Qui ci sarà la collettiva “FIVE LINES” a cura della Galleria Caracol che vede la partecipazione di Emiliano Ponzi, Giulia Neri, Andrea Serio, Elisa Talentino, Marco Cazzato.

Orari apertura museo: (ingresso 3 €)
8-9-10 Luglio: 10.00 – 17.00
 a partire dall’11 Luglio:
mercoledì – venerdì: 10.00 – 17.00
sabato  10.00 – 12.00 domenica chiuso

MUSEO CIVICO

Inaugurato nel 1995 in un cortile interno accanto alla chiesa dello Spirito Santo, il pianterreno è costituito da quelle che furono fino alla metà dell‘800 le rimesse e le stalle del servizio postale. Gestito dall’Associazione Pro Museo di Brunico, ospita parte del patrimonio del precedente museo e propone nel corso dell’anno diverse mostre, per lo più d’arte moderna e contemporanea.

Qui ci sarà la collettiva “FIVE LINES” a cura della Galleria Caracol che vede la partecipazione di Emiliano Ponzi, Giulia Neri, Andrea Serio, Elisa Talentino, Marco Cazzato.

Orari apertura museo: (ingresso 3 €)
8-9-10 Luglio: 10.00 – 17.00
 a partire dall’11 Luglio:
mercoledì – venerdì: 10.00 – 17.00
sabato  10.00 – 12.00 domenica chiuso

CASA RAGEN

L’antico edificio prende il nome da un insediamento a case sparse preesistente alla città di Brunico. Fu per secoli residenza gentilizia e nel 1661 ottenne il suo aspetto attuale. Nella sua lunga storia è stata anche caserma e ospizio. Ristrutturata completamente fra il 1982 e il 1985 e ampliata fra il 2015 e il 2017, la Casa Ragen è sede della scuola di musica di Brunico e ospita nel bel cortile interno coperto cerimonie ufficiali ed eventi culturali.

Qui sarà allestita al piano terreno la personale di Riccardo Guasco intitolata “CICLICO” e dedicata al mondo delle due ruote, mentre al piano superiore le pareti ospiteranno l’esposizione dei vincitori e premiati 2022 da parte di Autori di Immagini.

CASA RAGEN

L’antico edificio prende il nome da un insediamento a case sparse preesistente alla città di Brunico. Fu per secoli residenza gentilizia e nel 1661 ottenne il suo aspetto attuale. Nella sua lunga storia è stata anche caserma e ospizio. Ristrutturata completamente fra il 1982 e il 1985 e ampliata fra il 2015 e il 2017, la Casa Ragen è sede della scuola di musica di Brunico e ospita nel bel cortile interno coperto cerimonie ufficiali ed eventi culturali.

Qui sarà allestita al piano terreno la personale di Riccardo Guasco intitolata “CICLICO” e dedicata al mondo delle due ruote, mentre al piano superiore le pareti ospiteranno l’esposizione dei vincitori e premiati 2022 da parte di Autori di Immagini.

TURNHALLE PALESTRA

Edificato nel 1913 accanto all’edificio scolastico dal “Trunverein”, la storica associazione ginnica brunicense fondata nel 1862, l’edificio ha svolto per decenni funzioni di palestra. Ristrutturato dal Comune di Brunico nel 2003, è oggi aula magna della vicina scuola media “Karl Meusburger” e viene utilizzato anche come sala per conferenze ed esposizioni.

In questa location prenderà vita la collettiva “VISIONS” a cura di illustation.it che vede la partecipazione di Davide Bonazzi, Fernando Cobelo, Ilaria Urbinati, Federica Fabbian, Goran, Giordano Poloni, Ilaria Faccioli, Maria Martini, Federica Bordoni e Elia Colombo

TURNHALLE PALESTRA

Edificato nel 1913 accanto all’edificio scolastico dal “Trunverein”, la storica associazione ginnica brunicense fondata nel 1862, l’edificio ha svolto per decenni funzioni di palestra. Ristrutturato dal Comune di Brunico nel 2003, è oggi aula magna della vicina scuola media “Karl Meusburger” e viene utilizzato anche come sala per conferenze ed esposizioni.

In questa location prenderà vita la collettiva “VISIONS” a cura di illustation.it che vede la partecipazione di Davide Bonazzi, Fernando Cobelo, Ilaria Urbinati, Federica Fabbian, Goran, Giordano Poloni, Ilaria Faccioli, Maria Martini, Federica Bordoni e Elia Colombo

LUMEN MUSEUM

IL FASCINO PER LA MONTAGNA É INTATTO DA TEMPO IMMEMORABILE
Con LUMEN, il Museo della fotografia di montagna, questo fascino trova una sua casa fotografica: sulla cima di Plan de Corones (in Alto Adige), i 1800 metri quadrati del museo sono infatti interamente dedicati alla fotografia di montagna. Negli spazi che si snodano per quattro piani, LUMEN rende tangibile la storia della fotografia di montagna dagli esordi ad oggi, e l’arte dei fotografi di montagna di tutto il mondo. LUMEN presenta fotografie storiche e innovazioni digitali, emozionanti mostre temporanee e produzioni spettacolari.
In questa spettacolare location prenderà vita la mostra collettiva “Draw the Light” che vedrà coinvolti tutti gli illustratori presenti a Ripido Festival. Si tratta della prima mostra in assoluto che il museo dedica all’illustrazione.

LUMEN MUSEUM

IL FASCINO PER LA MONTAGNA É INTATTO DA TEMPO IMMEMORABILE
Con LUMEN, il Museo della fotografia di montagna, questo fascino trova una sua casa fotografica: sulla cima di Plan de Corones (in Alto Adige), i 1800 metri quadrati del museo sono infatti interamente dedicati alla fotografia di montagna. Negli spazi che si snodano per quattro piani, LUMEN rende tangibile la storia della fotografia di montagna dagli esordi ad oggi, e l’arte dei fotografi di montagna di tutto il mondo. LUMEN presenta fotografie storiche e innovazioni digitali, emozionanti mostre temporanee e produzioni spettacolari.
In questa spettacolare location prenderà vita la mostra collettiva “Draw the Light” che vedrà coinvolti tutti gli illustratori presenti a Ripido Festival. Si tratta della prima mostra in assoluto che il museo dedica all’illustrazione.

CAFFÈ PINTA PICHL

Ospitato in un antico edificio del centro storico di Brunico, appena fuori Porta Ragen, il caffè prende il nome dall’antica officina di un bottaio (in dialetto tedesco “Pinta”) che lì aveva sede e dalla posizione rialzata rispetto al fiume (“Pichl” = collina) su cui sorge. Gestito dalla famiglia Pizzinini il Caffè Pinta Pichl ospita nel corso dell’anno diverse mostre d’arte.

Negli spazi di questo grazioso locale ci sarà la personale di Marco Palena.

CAFFÈ PINTA PICHL

Ospitato in un antico edificio del centro storico di Brunico, appena fuori Porta Ragen, il caffè prende il nome dall’antica officina di un bottaio (in dialetto tedesco “Pinta”) che lì aveva sede e dalla posizione rialzata rispetto al fiume (“Pichl” = collina) su cui sorge. Gestito dalla famiglia Pizzinini il Caffè Pinta Pichl ospita nel corso dell’anno diverse mostre d’arte.

Negli spazi di questo grazioso locale ci sarà la personale di Marco Palena.